giovedì 5 dicembre 2019

Michel Houellebecq su Louis-Ferdinand Céline, Louisiana Channel 2019



Presentatore: Qual è la vostra relazione con Céline?

Houellebecq: Non grande. Ho apprezzato ‘Viaggio al termine della notte’, e penso che poi sia diventato sempre più formalistico. Si guardava scrivere. E alla fine, era solo vuoto formalismo. Mi spiace… L’altra cosa sgradevole da dire su Céline, è che i suoi pamphlet antisemiti non sono affatto male. Per me, era più dotato per i pamphlet che per i romanzi. Detto questo, penso che globalmente c’è del buono nella sua opera, e sono contento che i danesi abbiano impedito che venisse ammazzato nel 1945. Ma per me, contrariamente a molti francesi, non è il vertice della letteratura francese del ‘900. Preferisco di gran lunga Proust. Per esempio, tra gli altri. Questa è la mia risposta.

Louisiana Channel, Michel Houellebecq - Domande e Risposte con i suoi lettori, 29 novembre 2019.

Nessun commento: